Sport

Quando si affronta il tema della disabilità ci si imbatte subito nel campo dei diritti negati. Troppo spesso, infatti, queste persone con deficit cognitivi o motori si ritrovano escluse da spazi, attività, esperienze, relazioni. Per fare questo da anni l’Associazione Astrolabio si impegna per poter offrire uno “spazio” adeguato in cui poter coltivare delle ambizioni e costruire dei sogni. Afferma Eleonor Roosevelt: “Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei loro sogni”. Dal 2010 nasce il progetto “PITA Sport” dove un gruppo di trenta ragazzi affetti da Autismo nuotano e si confrontano con gli altri per affrontare i propri limiti ed affermare le proprie potenzialità. Essere in competizione vuol dire essere in relazione con gli altri. Lo sport diviene uno spazio di integrazione, socializzazione, confronto e sviluppo. Un impegno settimanale da non perdere per sorridere e star bene con gli altri.